LO ZAFFERANO DALLE SABBIE DEL MARE

Lo zafferano dalle sabbie del mare

LO ZAFFERANO DALLE SABBIE DEL MARE, azienda agricola
Via Madonnina 3A, Cortiglione (AT).

Ad accogliervi trovate: Nico Banchini.

L’azienda è  al confine con il Geosito fossilifero di località Crociera, a poca distanza dalla Riserva naturale della Val Sarmassa.

 

Prodotto del Parco: lo zafferano.

 

Dove cresce: nei terreni, tra i papaveri, ai piedi del Geosito. I 15 mila bulbi di zafferano presto raddoppieranno. Qui la spezia viene coltivata, raccolta, confezionata e venduta.

 

Acquisti su prenotazione: 338.7956860; nicobanchini93@gmail.com

Perché venire qui. Fossili e zafferano raccontano una lunga storia, fortemente evocativa. In questi posti tre milioni di anni fa c’era il mare, testimoniato dalla presenza dei fossili. E lo zafferano da queste parti si coltivava già nel Medioevo. 

 

Curiosità. Dove oggi sorge il Geosito di località Crociera fino al 2004 è esistita una collina alta 30 metri. Da lì sono state estratte le sabbie destinate alla costruzione dell’autostrada Asti-Cuneo: proprio durante i lavori sono emersi i fossili. L’area attrezzata dal Parco Paleontologico Astigiano consente di vedere da vicino le pareti con le grosse conchiglie bivalvi del Mare Padano.

Nel rispetto delle indicazioni istituzionali, il Museo dei Fossili, gli uffici del Parco e lo Sportello Forestale resteranno chiusi fino a data da destinarsi. Per informazioni 0141592091